The cold one, Twilight Vampires .
Innanzitutto, BENVENUTI !
Ogni fan della magnicifa saga, è accolto a braccia aperte, fate cose se foste a casa vostra .

The cold one, Twilight Vampires .

Un mondo tutto nostro dove ogni desiderio, con un pò di fantasia, può divenire realtà .
 
IndiceGalleriaFAQCercaGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 USA Today intervista Kristen Stewart, Robert Pattinson e Taylor Lautner

Andare in basso 
AutoreMessaggio
K i k k a

avatar

Data d'iscrizione : 23.03.09

MessaggioTitolo: USA Today intervista Kristen Stewart, Robert Pattinson e Taylor Lautner   17th Mag 2010, 23:10



Susan Wloszczyna di USA Today ha intervistato il trio delle meraviglie!

Ecco l’intervista----

Il vivace, arruffato Robert Pattinson ha una risata sonora molto contagiosa che non si addice al vampiro seducente che interpreta, Edward Cullen.

Il muscoloso ed elegante Taylor Lautner è tascabile paragonato all’incombente statura della sua controparte da licantropo, Jacob Black.

La distaccata ma sempre cool Kristen Stewart può essere una vera chiacchierona, a differenza della sempre imbronciata Bella Swan, la liceale coinvolta in una disputa romantica tra questi due esseri soprannaturali, oggetti del desiderio adolescenziale.

Ragazza fortunata, vero? “Sì, ma questo succede solo nei film,” dice la Stewart parlando dell’interpretazione dell’eroina gotica che fa parte della famosissima saga Twilight (85 milioni di copie vendute finora). “Sono la più grande fan. Se leggi una storia, ti piace e ti colleghi a questa, significa che probabilmente ti sei inserito nella storia e cerco di farlo in modo perfetto.”

La fantasia di Hollywood si unisce regolarmente alla realtà di tutti i giorni di queste tre star piene di luce. Ci è voluto un po’, per una navigatrice culturale come Oprah Winfrey, puntare questo fenomeno. Ma questa mattina la febbre Twilight ha invaso gli Harpo Studios dopo che gli attori sono andati nel backstage dopo aver girato uno show andato in onda Giovedì. Il motivo? Eclipse, il terzo capitolo facente già parte di un franchise di un miliardo di dollari che uscirà il 30 Giugno.

Gli attori non sono colpiti dall’immensa adorazione da parte di un pubblico prevalentemente femminile, molti indossano delle magliette nere della saga – Team Edward e Team Jacob sono rappresentati debitamente – e sono stati selezionati per la loro passione della serie epica di Stephenie Meyer.

“È molto bello a volte, sfondare una porta aperta” dice Pattinson, 24 anni, il Londinese nato di notte, sex symbol e ragione primaria degli urli del pubblico. Grazie ai suoi ammiratori fedeli, è stato elevato da un ruolo di comparsa poco famoso in Harry Potter a una della cento persone più influenti del mondo in meno di tre anni. Si trovavano fuori in gruppo la notte prima della proiezione di una copia non finita di Eclipse, negli studi di Oprah. Successivamente, una marea di Tweet dei fan con vari “OMG” scaturiti dal sequel, anticipato da tempo, di Twilight e New Moon.

Una volta che la Stewart, 20 anni, ha firmato con grande cura il libro degli ospiti di Oprah e Lautner, 18, ha finito il suo trucco da salotto, gli attori si sistemano su un soffice divano di pelle per parlare di argomenti come i momenti iconici trasportati in Eclipse, litigi con altre celebrità e cosa riserva il futuro post-Twilight.

Il gioco della fama

Ma, prima di tutto, parliamo della sofferena della fama che proviene dal fatto di trovarsi nelle liste dei più ricercati scritte dai paparazzi. Quando è uscito New Moon lo scorso autunno, non è passato un giorno in cui non si leggesse nei titoli di testata qualcosa riguardo Lautner e la bella ragazza di paese Taylor Swift oppure argomenti del tipo se Pattinson e la Stewart stessero realmente insieme.

“Non so se questa sia la vera ragione, ma l’anno scorso ci siamo nascosti meglio” dice Pattinson.

“È proprio questa la ragione,” condivide la Stewart. “Loro fanno solo storie che vadano insieme a delle foto. Se non ottengono una foto, non c’è una storia. Adesso ci nascondiamo meglio.”

Questo stratagemma non include conferme o smentite riguardo il loro vero rapporto. Anche se è chiaro che c’è qualcosa di speciale tra i due… Limitiamoci a dire che non è stato Lautner ad aver messo una mano sulla gamba di Pattinson durante un pezzo dell’intervista.

Ma tutti e tre hanno a cuore Twilight, non importa cosa. La Stewart si è fatta persino prendere dal panico a un certo punto, pensando di aver scritto male una parola nel suo saluto alla Winfrey. Controlla il libro: “Believe – ie o ei?”

“La ‘i’ viene prima della ‘e’, tranne dopo la ‘c’ (è una frase usata nelle scuole inglesi, per ricordarsi come scrivere determinate parole, NDR),” risponde Pattinson. Lei controlla. “Oh, sì,” dice con energia.

Pattinson ride. “Ho quasi scritto Oprah in modo sbagliato. Stavo per scrivere Opera.”

Gli attori sono desiderosi di sapere che effetto abbia fatto Eclipse al pubblico e sono contenti di sapere che ogni elemento sia stato messo in rilievo: l’orrore, la storia romantica, il triangolo tra i loro personaggi, i momenti di comicità tra Edward e Jacob – specialmente quando stringono un’irritabile alleanza per salvare Bella da un gruppo di nomadi neonati.

La Stewart parla dell’approvazione positiva di Eclipse: “È una macchina ben oliata a questo punto. Abbiamo avuto molto tempo per stabilire di cosa si trattava e molto tempo per pensarci su. E ci hanno dato molti più soldi questa volta. Quindi è stato eccitante.”

Pattinson, con sguardo confuso, chiarisce la frase di Kristen. “Per il film. Il budget.”

La Stewart è mortificata. “Oh, mio Dio. No, no. Non ci avevo neanche pensato. Ci hanno dato molti più soldi per rendere migliore il film!”.

Gli attori principali hanno ottenuto degli aumenti – Stewart e Pattinson hanno portato a casa circa 7.5 milioni di dollari più una percentuale sugli incassi, Lautner ne ha presi 5 – mentre la produzione è costata circa 65 milioni di dollari, ancora modesta se paragonata al costo di altri franchise.

Eppure i dollari extra sembrano aver dato i loro frutti, specialmente negli effetti speciali. Anche l’alter ego lupesco in CGI di Taylor è più adorabile che in New Moon. “Sì“, dice l’attore imbarazzato. “E’ molto affettuoso. Non so se è quello che volevamo ottenere“.

Ci racconta con giudizio condividendo un aneddoto su una scena in cui la bestia feroce grande quanto un cavallo si strofina dolcemente addosso a Bella e lei gli gratta l’orecchio. Dopo un po’ di insistenza lui cede.

“Quel giorno sono arrivato sul set e ho indossato questo abito grigio di spandex…“

“C’è un dialogo e io inizio a parlargli“, spiega Stewart. “Ho detto: come faccio a fare questo senza Taylor?“. Così invece di far finta che un enorme lupo animato sia vicino all’attrice Lautner ha fatto volontariamente la controfigura di se stesso.

“Fondamentalmente sembravo un Teletubby“, continua parlando del suo vestito. “Avevo questo cerchio sul viso ma ogni altra cosa era coperta. E’ stato strano. Ma sì, stavo lì e avrei dovuto letteralmente piegarmi…“

“Volevo davvero accarezzargli la sua testa da cucciolo“, aggiunge Stewart.

Pattinson, nel frattempo, ha lottato con la proposta piuttosto formale di Edward a Bella, che riflette sul fatto che anche se il suo vampiro sembra un diciassettenne, proviene invece dal secolo scorso.

“Ero in ansia mentre arrivava quel giorno”, dice a proposito della scena che hanno girato alla fine delle riprese. “La prima volta che ho letto la sceneggiatura ho pensato ‘Questo è impossibile‘”. I riferimenti alle “passeggiate” e al “bere un thè freddo sul portico” come Edward spiega che avrebbe corteggiato Bella nel secolo scorso gli si sono particolarmente incastrati in gola. “E‘ così serio. Ho finalmente convinto i produttori che si poteva interpretarlo con un po’ di consapevolezza di non essere un personaggio immaginario. Non sto cercando di far parte di una novella gotica”.

Quando finalmente Pattinson lo ha visto, ne è rimasto piacevolmente sorpreso. “Sembra diverso quando lo vedi“.

I loro profili sono cresciuti ad ogni film, e il loro nuovo status di celebrità permette loro di mescolarsi ai propri idoli. Anche se, il più delle volte, sono le altre star ad essere abbagliate da loro tanto da richiedere autografi per i loro figli malati di Twilight.

“Ho fatto una foto con Ron Howard lo scorso anno agli Oscar“, ricorda Pattinson. “Ho pensato che fosse molto divertente. Gli ho chiesto, ‘è per i tuoi figli?’ E lui ha detto, ‘no è per me. Voglio metterla sul mio telefono‘. Rendendo così la situazione ancora più strana: la figlia di Howard, Bryce Dallas Howard, recita in Eclipse.

Ahimè, Pattinson non ha ancora incontrato il suo idolo, Jack Nicholson.

Kristen si fa sentire: “Io l’ho incontrato“.

Pattinson: “Cosa? Quando lo hai incontrato?“

Stewart: “Ad una proiezione per Into The Wild”, il film drammatico del 2007 diretto da Sean Penn. “Era esattamente come tu pensi che sia“.

Pattinson, sembrando un po’ innervosito: “Non me l’hai mai detto”.

Si unisce anche Lautner: “Io non l’ho incontrato ma gli sedevo vicino ad una partita dei Lakers“.

Pattinson, completamente esasperato: “Cosa?“

La vita oltre Twilight

Prossimo soggetto. I tre stanno attivamente cercando di partecipare ad altri progetti tra un film e l’altro di Twilight. Stewart e Pattinson, entrambi divoratori di libri e coinvolti in progetti artistici, hanno avuto buone recensioni ma non grandi vendite di biglietti per due loro recenti uscite, la biografia su una band femminile The Runaways e il melodramma romantico Remember Me.

Ma continuano ad essere richiesti per ruoli più maturi. Stewart è entusiasta di far parte della versione sul grande schermo di On The Road di Jack Kerouac, le cui riprese iniziano ad agosto. Pattinson ha di recente terminato il suo lavoro sul set londinese di Bel Ami su un arrampicatore sociale del 19° secolo insieme a Kristin Scott Thomas, Uma Thurman e Christina Ricci. Se le porta a letto tutte e tre?

“Sì, ma non sono le tipiche scene d’amore”, dice Pattinson.

Stewart aggiunge: “Sono tutti un po’ strani. Un po’ irritabili. E un po’ nudi“. Segue una risatina.

Nel frattempo Lautner – un atleta naturale che ha interpretato una star della corsa della scuola superiore nella commedia Valentine’s Day – sembra che stia per diventare il prossimo eroe d’azione nei prossimi ruoli nel thriller Abduction e in Stretch Armstrong, avventura in 3D basata su un muscoloso giocattolo.

Ha mai posseduto una di queste bambole, i cui arti possono essere tirati e allungati come una caramella mou? “Non ricordo di averne mai avuto uno in casa, ma ricordo assolutamente che si allungava parecchio!“.

Poi c’è il prossimo film Breaking Dawn, la cui uscita è prevista per il 18 novembre 2011. Il quarto e presumibilmente ultimo libro è così complicato da alcuni eventi della vita – un matrimonio, la prima volta di Bella e Edward, un parto grottescamente doloroso – che si è parlato di girarne due film back to back. E potrebbe anche essere girato in 3D. Ma gli attori possono confermare soltanto il loro coinvolgimento.

Quello che è certo è che il regista di Breaking Dawn sarà Bill Condon, il filmmaker dietro Dreamgirls e sceneggiatore nominato all’Oscar per Chicago.

Hanno già incontrato Condon, che ha già scritto una lettera ai fans su Facebook rassicurandoli sul suo apprezzamento del materiale e che il film non sarà assolutamente un musical nonostante il suo curriculum?

Lautner fa cenno di sì.

Pattinson: “Dove l’hai incontrato?”. Lautner: “Un giorno“. Stewart: “Avevate un appuntamento?“. Lautner: “No, no“. Pattinson: “L’ho letteralmente incontrato tre notti fa”.

Stewart, in un finto tono rassegnato: “Be’, ovviamente non vuole incontrarmi”.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
USA Today intervista Kristen Stewart, Robert Pattinson e Taylor Lautner
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
The cold one, Twilight Vampires . :: ~ Welcome to the paradise, a step away from hell . :: News .-
Vai verso: