The cold one, Twilight Vampires .
Innanzitutto, BENVENUTI !
Ogni fan della magnicifa saga, è accolto a braccia aperte, fate cose se foste a casa vostra .

The cold one, Twilight Vampires .

Un mondo tutto nostro dove ogni desiderio, con un pò di fantasia, può divenire realtà .
 
IndiceGalleriaFAQCercaGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 Analisi di un vampiro: il fascino di Edward Cullen

Andare in basso 
AutoreMessaggio
*Alice

avatar

Data d'iscrizione : 15.01.09

MessaggioTitolo: Analisi di un vampiro: il fascino di Edward Cullen   25th Marzo 2009, 11:43



Ormai sulla saga vampiresca più famosa degli ultimi tempi si è detto di tutto.

Durante il tour promozionale di Twilight,
Robert Pattinson chiese alle fans il motivo della grande attrazione che
provavano nei confronti del personaggio da lui interpretato, Edward
Cullen: perchè il vampiro creato da Stephenie Meyer era così dannatamente sexy?


Molti uomini si sono posti la stessa domanda. C’è una nuova sottocultura degli uomini - i Vedovi di Twilight
- le cui mogli e fidanzate sono state rapite da questo vampiro
supersexy. Ma cosa hanno di particolare Edward Cullen e la sua famiglia
di vampiri che le donne trovano così attraenti? Che incantesimo usa
Edward per ammaliare?


Gli elementi chiave
della ricetta dell’attrazione di Edward sono tre: primo, è un vampiro;
secondo, è Edward Cullen; terzo, è interpretato da Robert Pattinson.


Oggi vi riportiamo la traduzione di un’analisi del vampiro vegetarianoEdward Cullen alias Robert Pattinson. più desiderato di questo periodo:




Il vampiro


I
vampiri sono sempre stati considerati come le creature mortifere più
sexy. Sono oscuri e misteriosi. Si aggirano di notte, tra le ombre.
Sono i cattivi ragazzi, il simbolo della concupiscenza,
l’animale primitivo e carnale. Seducono la loro vittima con occhi
ipnotici non perchè possono, ma perchè devono. Bramano la nostra essenza vitale - quella che ci rende umani. Il vampiro può attirarci in trappola con una lenta seduzione,
oppure sorprenderci con un’aggressione violenta, ma il suo obiettivo
rimane sempre la bramosia per la vittima, alla quale quest’ultima non
può scappare. E prendendoci, questa creatura si ritrova in mano anche
il nostro futuro, dovendo scegliere tra portarci alla morte o
garantirci l’immortalità. Al di là della seduzione vampiresca, oltre
gli occhi ipnotici e la personalità oscura, per il vampiro la cosa più
importante è la bramosia del nostro sangue, che rende il suo bisogno di
noi umani così forte da eguagliare la nostra attrazione verso di loro.
Oltre a questo, aggiungiamo che l‘incavo del collo è una delle zone erogene femminili più sensibili.
Che il vampiro decida di scivolare silenziosamente dietro la sua
vittima e di posare dolcemente le labbra avide sul suo collo, o che
decida di prenderla con la forza gettandosi su di lei, questi momenti
sono comunque in equilibrio tra vita e morte, un misto di desiderio e
ingordigia, un’immagine a forte carica sensuale.






Edward Cullen

Edward Cullen non è un vampiro normale.
Come tutti i vampiri che compaiono nella saga della Meyer, non
rispecchia l’immagine tradizionale della creatura notturna: non ha
zanne, non servono croci nè aglio. I vampiri di Twilight camminano di
giorno e la loro bellezza è abbagliante. Non dormono mai, sono
incredibilmente forti e veloci e non possono essere uccisi facilmente.
La famiglia Cullen si discosta ancora di più dalla tradizione - sia
nella realtà che nella storia - rifiutandosi di bere sangue umano: il
loro nutrimento si basa soltanto sul sangue degli animali. Poi ci sono
i vampiri dotati, quelli con abilità speciali: Alice può prevedere il
futuro, Jasper può influenzare la sfera emotiva. E, a parte Bella Swan, Edward può leggerti nella mente.







[Mostra come presentazione]







[Visualizza con PicLens]
































































































Nonostante sia proprio il silenzio che
avverte nella mente di Bella ad attirare inizialmente l’attenzione di
Edward, è il suo istinto primordiale che fa scattare la sua bramosia:
la sua incontrollabile sete di sangue. Per Edward, il sangue di Bella è
la qualità preferita di eroina in tutta la Terra. Non è un desiderio
passeggero, non è un’esile tentazione. E’ un comando biologico
imperativo. La deve prendere. La deve divorare. Deve succhiarle via
tutta la vita e prenderla dentro di sè. La sua battaglia per mantenere
una maschera di umanità nei confronti del suo travolgente desiderio
significa negare il proprio essere. Edward è riuscito a controllare la
propria sete per settant’anni, ma ecco in un momento che il solo eco
dell’odore di Bella scatena il mostro sopito in lui.


Anche
quando Edward smette di respirare per evitare l’odore di Bella, il
silenzio della sua mente lo rende dannatamente curioso, nello stesso
modo in cui il sangue della ragazza scatena la sua sete. Questo
silenzio per lui è una cosa nuova, intrigante, ma anche profondamente
frustrante. Non può controllarla vedendo le sue intenzioni nei suoi
pensieri. Non può anticipare le sue reazioni e manipolarla come ha
fatto per quasi un secolo con gli altri umani. Non può impedire che la
curiosità e il desiderio si trasformino in qualcosa di più profondo,
più umano e passionale di qualsiasi cosa abbia mai provato nella sua
lunga vita - l’amore.


Innamorandosi di Bella, Edward subisce una trasformazione radicale, soffocando
il suo bisogno del sangue di lei. Il suo odore diventa per lui un
profumo, il suo battito cardiaco un suono necessario e coinvolgente. Le
cose che lo hanno tenuto in vita così a lungo - la sua forza, la sua
velocità, la sua indistruttibilità - in seguito non avranno importanza
per lui. Comicia a detestare se stesso perchè non può essere per Bella
quello che lei è per lui: un luogo caldo e morbido. Edward cerca
disperatamente di mantenere la sua padronanza di sè, perchè al suo
confronto Bella è fragile. Allo stesso tempo, si trova alle prese con
le emozioni e le passioni di un umano, di amore, gioia e sessualità che
si è negato per tutto la sua vita immortale. Anche se si trattiene per
lei, è sopraffatto dalla necessità di bere il suo sangue, non per
estinguere la sua sete ma per far diventare Bella come lui, per darsi
completamente a lei.


Edward Cullen ha 108 anni. Ha
letto ogni libro, visto ogni film, studiato ogni lingua straniera. E’
un musicista e compositore di talento. E’ ricco, e bellissimo, e
incredibilmente forte. E’ seduttivo, misterioso e oscuro. Edward Cullen
non sarà mai fuori forma, disordinato o vecchio. Non lascerà la sua
biancheria sul pavimento del bagno. Edward non potrà mai allontanarsi
da Bella, perchè lei è il suo unico amore, la sua eternità, e fra cento
anni la amerà con più passione e costanza di oggi. Può diventare
iperprotettivo a volte, anche in modo esagerato, ma sono il suo amore e
la sua paura di perderla che lo muovono in questo. La sua intera
esistenza gravita intorno alla felicità di Bella, alla sua sicurezza, i
suoi bisogni e i suoi desideri. Anche quando i desideri e le passioni
di Bella lo spingeranno verso limiti pericolosi, incanalerà i suoi
demoni interiori - distruggendo cuscini e testate dei letti, per
esempio - pur di soddisfare le esigenze della sua amata.


Edward diventa ancora più affascinante
come compagno di vita quando Bella diventerà immortale. Il vampiro non
ha bisogno di dormire, non deve mangiare, non ha bisogno di usare il
bagno - e può fare l’amore per giorni senza pause. Fare sesso per i
vampiri di Twilight è costante, potente, distrugge le case. I sensi dei
vampiri di Twilight sono affinati, avere un’esperienza sessuale è molto
più intenso. Edward può passare letteralmente giorni a soddisfare
Bella, e lei può fare lo stesso per lui. Liberi da ogni necessità
grazie al sangue degli animali, sono invece consumati dal proprio
bisogno del corpo dell’altro.


Ci si deve meravigliare davvero, quindi, che le ragazze, tra adolescenza e ormoni, siano così attratte da questo cattivo ragazzo?
Che donne adulte, ancora in cerca del loro Romeo, svengano al solo
pensiero degli occhi dorati di Edward, del suo fresco soffio sul collo,
del suo tocco sulla loro pelle? Lui è pericoloso, eccitante, sensuale,
intelligente, bellissimo e immortale. Lui è vita e morte, sessualità e
astinenza, luccicante e oscuro allo stesso tempo. E’ insieme troppo
giovane e troppo vecchio per le donne che lo adorano, congelato per
sempre nei suoi 17 anni ma con un secolo di esperienze sulle spalle.








Robert Pattinson

Robert Pattinson non è Edward Cullen,
ma allo stesso tempo lui è completamente e per sempre Edward Cullen.
Interpretare Edward è una sfida per qualsiasi attore. Lo stesso
Pattinson era divertito dall’impossibilità di interpretare un
personaggio così perfetto, così bellissimo e dell’altro mondo. Eppure,
in qualche modo, nel portare così tanto di sè stesso al suo personaggio
- le sue insicurezze e paure, i suoi interessi e pensieri più oscuri -
ha aggiunto una profondità di emozioni di cui Edward è carente nel
libro. Pattinson abbraccia l’odio di Edward per se stesso e per il suo
mostro interiore, e fa sì che questa parte di Edward prevalga spazzando
via la perfezione attribuitagli da Bella.


Non guasta, inoltre, che Pattinson stesso sia bello, alto, misterioso e anch’egli oscuro.

Dai suoi capelli inspiegabilmente
famosi alla grazia con cui suona il pianoforte; dai morbidi sussurri
della voce vellutata di Edward al profondo e ricco suono della sua voce
blues; dalla sua adorabile prestazione in The Bad Mother’s Handbook al suo campione di Hogwarts in Harry Potter e il Calice di Fuoco,
c’è qualcosa di così reale, di così normale in Robert Pattinson che lo
rende amabile e sexy. Le sue interviste vanno dal tono un po’ sporco (Il sesso è quando finisci per uccidere l’altra persona. E’ il tipo migliore di sesso) ai toni scherzosi (Mi sono tagliato le unghie e ho comprato un nuovo paio di mutande). E’ un ragazzo cattivo cattivo,

con i suoi capelli sporchi e le sopracciglia folte, con quello
scintillio negli occhi e l’accento inglese che possono fermarti il
cuore. Ha così poca autostima che fa venir voglia di abbracciarlo e
portarlo a casa con noi. E’ il sogno di molte adolescenti ma ammette di
adorare le donne mature. C’è molto da vedere, ma ti lascia la
sensazione di aver appena scalfito la superficie.

Robert Pattinson non è Edward Cullen. Ma Edward è un po’ più hot
perchè Pattinson gli ha dato una faccia, un corpo, un sorriso seducente
e diabolico, ed un’innata timidezza che non ha mai avuto.


Così, alla fine, la risposta può essere
che non siamo perfetti perchè non siamo Edward Cullen, ed Edward Cullen
è perfetto perchè non esiste in nessuno di noi.

_________________

__мι σffяιѕтι ℓα мαиσ є ℓα ρяєѕι ѕєиzα ¢нιє∂єямι ιℓ ѕєиѕσ ∂ι ¢ιò ¢нє ѕтανσ fα¢єи∂σ. ρєя ℓα ρяιмα νσℓтα ιи αℓмєиσ υи ѕє¢σℓσ ѕєитιι яιиαѕ¢єяє ℓα ѕρєяαиzα__

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Nunzia

avatar

Data d'iscrizione : 07.02.09

MessaggioTitolo: Re: Analisi di un vampiro: il fascino di Edward Cullen   26th Marzo 2009, 12:51

non potrei essere più d'accordo... solo leggendo sono rimasta estasiata.... WOW... e poi la pate finale: Così, alla fine, la risposta può essere
che non siamo perfetti perchè non siamo Edward Cullen, ed Edward Cullen
è perfetto perchè non esiste in nessuno di noi.
💘
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://a-zgiusyti.spaces.live.com/
Rosa

avatar

Data d'iscrizione : 17.03.09

MessaggioTitolo: Re: Analisi di un vampiro: il fascino di Edward Cullen   26th Marzo 2009, 16:33

......sn senza parole...anzi sn ankora più innamorota di EDWARD! Love
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
мι∂иιgнт_кιss

avatar

Data d'iscrizione : 20.07.09

MessaggioTitolo: Re: Analisi di un vampiro: il fascino di Edward Cullen   21st Luglio 2009, 17:38

oddio!!!lo fa sembrare ancora + xfetto...ki resisterebbe ad uno con qst fascino così deannatamente sexy ed innato???xkè nn esistono gli uomini così???
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Analisi di un vampiro: il fascino di Edward Cullen   

Torna in alto Andare in basso
 
Analisi di un vampiro: il fascino di Edward Cullen
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Edward John Smith
» Il Fascino dell'Assassino: ipotesi sulle dinamiche psicologiche che portano ad innamorarsi di assassini detenuti in carcere
» Il fascino dei luoghi abbandonati
» [film] Edward mani di forbice (di T. Burton)
» Zagor contro il vampiro (n.85/86/87)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
The cold one, Twilight Vampires . :: ~ La realtà di un sogno, che per noi non finirà . :: Interview .-
Vai verso: